16/06/2019: SS. TRINITA' - SS. Quirico e Giuditta
O Signore, quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra.
Martirologio Romano
SS. Quirico e Giulitta, SS. Ferreolo e Ferruccio, SS. Aureo, Giustina e compagni, SS. Domenico Nguyen e compagni
Letture di oggi
1^ Lettura
Pr 8,22-31
Salmo
Sal 8
2^ Lettura
Rm 5,1-5
Vangelo
Gv 16,12-15
Calendario
Giugno 2019
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
Banner

Le opere minori

La nostra Chiesa Parrocchiale, negli ultimi anni, è certamente diventata più bella. Molte infatti sono le opere decorative realizzate che hanno reso esteticamente più bella sia la struttura muraria, come le vetrate artistiche, sia l'interno come l'affresco nella cappella del Santissimo Sacramento. Queste sono le opere più grandi, impossibile non notarle, ma anche le numerose sculture in acciaio dell'artista Francesco Pianigiani hanno contribuito ad impreziosire, a conferire un'atmosfera di sacralità e a rendere più accogliente la casa di Dio. Forse i fedeli attenti alle cerimonie religiose, o all'ascolto della parola di Dio, a volte distratti da altri pensieri, non hanno prestato molta attenzione a queste opere che onorano anche la nostra comunità. I tre candelieri, quello posto davanti alla statua della Madonna di Fatima, quello per ricordare i defunti e quello davanti alla statua di Santa Rita da Cascia, il bassorilievo davanti l'altare raffigurante l'ultima cena, il piccolo battistero mobile, il tabernacolo accanto all'altare, il quadro rafffigurante San Pio da Pietrelcina con le reliquie del Santo, la fonte della Vita Eterna, citando solo le più importanti, sono veramente oggetti d'arte unici, in particolare per il materiale utilizzato, l'acciaio.

Nelle opere eseguite per la nostra Chiesa, Pianigiani riesce a dare calore e colore all'acciaio, materiale affatto duttile, ottenendo, con i giochi di luce, espressività e movimento alle raffigurazioni. Le sue opere non sono semplici decorazioni ma sono immagini che esprimono il sentimento dell'artista e trasmettono in chi le guarda una profonda emozione.

Candeliere dell'altare maggiore

CandeliereAltarerealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, riunisce il Trigramma di San Bernardino da Siena (IHS) con i simboli eucaristici (spighe e uva, nei bracci laterali) e con i simboli della passione (corona di spine e gocce di sangue, nel braccio centrale)

 

 

 

 

 

 

Candeliere della Madonna di Fatima

CandeliereNSFatimarealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, perfettamente si integra con la Statua di Nostra Signora di Fatima rappresentando l'albero di Elce sul quale la Madonna è apparsa ai tre pastorelli.

Al centro dei suoi rami, una mano offre, nel suo palmo, tre candele.

IMG_0400-smallDegno di nota come i portacandele del primo livello compongano la lettera M al centro dei rami.

 

 

 

 

 

Candeliere di commemorazione dei defunti

CandeliereDefuntirealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, rappresenta un cespuglio di rose che cresce di fronte ad una colonnina di mattoni; tutti i portacandele sono realizzati come una foglia disposta in orizzontale che ha, al di sopra, una struttura minimale per il sostegno del santino del defunto da commemorare.

IMG_0426-smallSul fronte della colonna è affissa una pergamena raffigurante Gesù crocifisso con scritto il primo verso della preghiera dei defunti.

 

 

 

Bassorilievo "L'ultima cena"

UltimaCenarealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, rappresenta il cenacolo con Gesù nell'atto di sollevare il calice.

Alle spalle, nelle tre finestre, vengono rappresentati da sinistra a destra:

Una palma, simbolo dell'immortalità e della resurrezione di Cristo.

Il sole che manda i suoi raggi su Gesù con davanti una colomba, simboli dell'immortalità e dello Spirito Santo.

Infine un cielo colmo di nubi da cui proviene un fitto temporale che scende verso Giuda (con il volto coperto dalle mani) evidente segno del peccato che nasconde la Luce Divina.

Piccolo battistero mobile

PiccoloBattisterorealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, rappresenta un una vasca sostenuta da delle alghe lanceolate che si innalzano dal fondo marino dando riparo a dei pesci e alla quale va ad abbeverarsi una colomba. La simbologia classica cristiana, anche in questo caso dona importanza all'opera: Il pesce, rappresentazione del Cristo, posto sotto la vasca tra le alghe che la sostengono, viene a rappresentare l'oceano di grazia in cui il battesimando viene immerso nell'azione sacramentale, mentre la colomba posta al di sopra della vasca in moto discendente è la più classica rappresentazione della discesa dello Spirito Santo.

 

 

Quadro-reliquiario di San Pio da Pietrelcina

ReliquiarioSanPiorealizzato in acciaio inox da Francesco Pianigiani, rappresenta il frate di Pietrelcina che presenta un ostensorio in cui sono alloggiate le preziose reliquie affidate alla Parrocchia.

In particolare vi è conservata una benda macchiata dal Sangue stimmatico del costato (come è presente anche nella chiesa romana di San Salvatore in Lauro, Centro Regionale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio nel Lazio) e, ricevuta in dono dal convento di San Giovanni Rotondo, una preziosissima reliquia "ex-corpore" ovvero una particella del corpo del San Pio da Pietrelcina, reliquia unica in tutto il territorio Laziale.

Insieme ad esse è conservata un'altra preziosa reliquia "ex-corpore" della nostra "beata diocesana" Suor Maria Crocifissa Curcio, co-fondatrice delle Suore Carmelitane Missionarie di Santa Teresa di Gesù Bambino (approfondimenti)

del costato
 
Visite al sito nel 2019
Top 5:
Italia flag Italia (2929)
Europa flag Europa (1119)
Siria flag Siria (840)
Germania flag Germania (643)
Stati Uniti flag Stati Uniti (379)
6750 visite da 54 nazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la sua esperienza e offrire servizi in linea con le sue preferenze. I cookies utilizzati dagli autori del sito hanno l'unico scopo di permettere una migliore fruibilità dello stesso, senza che gli autori possano raccogliere o interpretare i dati amministrati. I cookies eventualmente utilizzati da moduli realizzati da terze parti appartengono ai relativi fornitori, servono per la corretta fruibilità dei contenuti e potrebbero raccogliere dati sull'utenza. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all’uso dei cookie.

Io accetto i cookie da questo sito.